Sono sempre più intelligenti le nostre carte di credito grazie alla tecnologia Contactless.
Un sistema che consente di pagare in modalità wireless avvicinando semplicemente la carta al POS, senza doverla consegnare.
Inoltre per le operazioni inferiori ai 25€ non serve la firma dello scontrino né l’inserimento del codice PIN.
Parliamo delle nuove “carte” – sostiene il prof. Alessandro Tigani, responsabile per il settore sicurezza del Codacons – dotate di chip RFID wireless.
Le banche le pubblicizzano come sicure e molto più semplici da usare, perché basta avvicinarle al POS per effettuare al volo un pagamento di piccolo importo, senza inutili perdite di tempo come l’inserimento del PIN.
Quello che però le banche non dicono – continua Alessandro Tigani – è che esiste la possibilità di costruire, facilmente e con una spesa di appena poche decine di euro, una antenna capace di aumentare il raggio di azione delle vostre carte fino ad oltre 10 metri.
In questo modo clonare le carte diventa un gioco da ragazzi.
E così una semplice passeggiare in un luogo affollato, come un centro commerciale, ci espone al rischio di cadere nel raggio d’azione di queste antennine che consentono di copiare il codice wireless della carta che è privo di qualsiasi tipo di sicurezza.
Poiché sono le moltiplicazioni a fare le grandi cifre, il Codacons chiede
agli istituti bancari, per scongiurare il rischio truffe, di implementare sistemi di sicurezza che ci permettano, magari tramite conferma sullo smartphone o l’inserimento di una password, di poter controllare l’addebito anche per i piccoli importi.
Ai consumatori – conclude Tigani – raccomandiamo di controllare accuratamente le spese addebitate sulle carte per contestare prelievi non autorizzati.

WordPress Video Lightbox Plugin