Grazie all’iniziativa del consigliere comunale del Pd, Libero Notarangelo, ieri il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità la mozione urgente che impegna il sindaco e tutti i rappresentanti istituzionali del capoluogo di regione ad agire contro il Governo nazionale per la sottrazione dei fondi per le periferie. Si tratta di un’iniziativa importante e che serve a riportare nei binari della verità lo stato dell’arte; dal momento che con l’approvazione del decreto milleproroghe da parte della Camera la sottrazione si è consumata anche sul piano formale e a nulla valgono le generiche rassicurazioni che arrivano da esponenti del Governo e parlamentari calabresi di maggioranza.

 

Catanzaro avrebbe usufruito di 30 milioni di euro, finalizzati ai quartieri di Corvo, Aranceto, Pistoia e Fortuna per progetti molto importanti: dalla sistemazione delle strade e delle aree verdi attrezzate, alla realizzazione del sistema di videosorveglianza, all’adeguamento del PalaCorvo fino al rifacimento del centro sociale dell’Aranceto e di diverse scuole.
La mozione presentata dal consigliere Notarangelo ha il meritorio fine di accendere un riflettore sull’inaudita gravità che si è consumata sulla pelle dei catanzaresi e alzare un fronte di protesta e battaglia politica – che già sta impegnando il gruppo parlamentare del Pd – su tutti i progetti previsti dal bando per le periferie.
Nello stesso tempo, appare doveroso prendere le distanze dall’operato della amministrazione comunale che – nella stessa seduta del Consiglio comunale – ha inteso con modalità opache e al di fuori dall’ordinario iter amministrativo procedere a giovamento soltanto del progetto che prevede l’investimento privato, ovvero quello della “Vivere insieme” riconducibile a un consigliere regionale di Forza Italia. Ecco perché come opposizione, insieme alle altre forze politiche, il Pd aveva richiesto il rinvio della delibera.
Il bene della collettività, la tutela degli investimenti pubblici, la riqualificazione delle periferie rappresentano grandi temi su cui l’impegno di un’amministrazione deve essere trasparente e lineare e, soprattutto, complessivo. Altrimenti resta il dubbio che si agisca in nome di Catanzaro ma nell’interesse di pochi e contro questo approccio ci batteremo in tutti i modi possibili.
Circolo Pd “Enzo Lauria”

WordPress Video Lightbox Plugin